BOSWELIA SERRATA, PIANTA AYURVEDICA ANTIINFIAMMATORIA

BOSWELIA SERRATA

La Boswellia serrata è una pianta appartenente alla famiglia delle Burseraceae che cresce comunemente nel Sud Est Asiatico, soprattutto in India, dove viene denominata anche “albero dell’incenso”.

Incidendo la corteccia della  specie, si ricava una sostanza biancastra, simile alla resina, che solidifica a contatto con l’aria e assume una consistenza vetrosa e ambrata. Presso le popolazioni locali asiatiche, e da molti anni ormai anche nel mondo occidentale, la Boswellia è nota soprattutto per le sue proprietà antinfiammatorie e analgesiche, utili ad alleviare molte delle problematiche  che riguardano il sistema osteo-articolare, difatti il suo campo elettivo a scopo terapeutico sembra essere nel trattamento di patologie quali:

  • artriteosteoartrite e artrite reumatoide; 
  • infiammazioni locali; 
  • disturbi degenerativi delle articolazioni;
  • difficoltà di movimento al risveglio;
  • dolori muscolari;
  • reumatismi;
  • artrosi;
  • infiammazioni dei tessuti molli quali tendiniti, borsiti e fibromialgia.

Il suo fitocomplesso risulta essere ricco di gommoresine ed oli essenziali, che contengono elevate quantità di acidi boswellici e altri acidi, e soprattto i primi  le conferiscono  le suddette proprietà.

La loro struttura è infatti simile a quella degli antinfiammatori steroidei di sintesi  che vengono comunemente  usati dalle industrie farmaceutiche a scopo terapeutico; essendo però naturale, l’acido boswellico non provoca gli effetti collaterali ulcerogenici a carico dell’apparato gastroenterico,  tipici dei Fans.

Gli acidi boswellici sembrano essere  in grado di inibire i leucotrieni, ossia quegli enzimi che vengono attivati nei processi infiammatori di artrite e reumatismi.

Nei distrubi citati, la Boswellia è utile per alleviare il dolore e prevenire la completa degenerazione. Oltre a ridurre finanche  il dolore , il gonfiore ed edema, la pianta ayurvedica è utile per migliorare la mobilità delle articolazioni, riducendo irrigidimenti articolari. Tuttavia la Boswellia ha proprietà benefiche anche per altri disturbi.

Infatti, secondo alcuni studi ,i principi attivi della Boswellia sarebbero in grado di rinforzare il sistema immunitario ,stimolando la produzione di linfociti e cellule T – in modo da renderlo più resistente agli attacchi autoimmuni.

Le proprietà antinfiammatorie della Boswellia possono essere oltremodo utili per alleviare i sintomi della sindrome del colon irritabile o così come quelli del morbo di Crohn e della colite ulcerosa.

Grazie alla sua attività antinfiammatoria, questa pianta può aiutare a migliorare la condizione di queste malattie, che hanno, fra i sintomi più ricorrenti, diarrea, gonfiore e crampi addominali.

Nella medicina ayurvedica gli estratti di Boswellia sono ancora utilizzati per accelerare la guarigione delle ferite e per evitare che intorno alla stessa  si formino infezioni. A questo scopo viene assunta sia in forma di integratore per via orale , come accade per tutti gli altri campi di impiego illustrati, che per uso topico.

A livello dell’apparato respiratorio è stato visto che la Boswellia allevia l’asma: i leucotrieni causano infatti la contrazione dei muscoli dei bronchi, facilitando l’asma. Dunque, gli acidi boswellici, inibendo la produzione di queste sostanze, agiscono in maniera positiva anche nella diminuzione dei sintomi della stessa. Inoltre, altri studi hanno dimostrato che le proprietà immuno-modulanti della pianta possono essere utili per contrastare il fattore allergico presente nei disturbi asmatici. L’olio essenziale di incenso è ampiamente utilizzato ad hoc.

Studi preliminari si concentrano su importanti proprietà antitumorali già mostrate in vitro.

A cura della dott.ssa Carmen FREDA, farmacista