Couperose e alimentazione

couperoseCome accade per la risoluzione di altri problemi della pelle come acne, psoriasi, dermatiti di vario genere, anche nel caso della couperose è possibile prevenire o attenuare gli inestetismi evitando di mangiare determinati cibi.

Poiché questo disturbo è causato dalla dilatazione dei vasi sanguigni, è sconsigliata l’ingestione di alimenti piccanti, troppo caldi o speziati e, in generale, le grandi abbuffate.

Vanno eliminati dalla dieta anche gli alimenti che provocano la liberazione dell’istamina, che provoca vasodilatazione, e tra questi abbiamo cioccolato, crostacei, spezie, fragole, papaia, agrumi, ananas, mirtillo rosso, frutta secca, insaccati, alcuni formaggi (tra cui Parmigiano e Emmentaler), carne rossa, crauti, spinaci, pomodoro, melanzane, aceto di vino, vino, birra, alcolici in generale.

Andrebbe anche considerevolmente ridotto l’uso di bevande gassate, mentre alcool e caffè rientrano tra le sostanze da eliminare del tutto. Al posto del caffè si potrebbe prendere l’abitudine di bere un buon tè, che, grazie al suo prezioso contenuto di antiossidanti, aiuta a ristabilire e proteggere l’equilibrio cutaneo.

I cibi da preferire sono frutta e verdura, e in particolare quelli ricchi di vitamina C come kiwi, broccoli, cavolfiori, carote, peperoni, rucola e altri vegetali di stagione. La vitamina C rappresenta uno degli antiossidanti più importanti per il nostro organismo, e risulta fondamentale proprio per rinforzare i vasi sanguigni. Altri frutti da consumare sono frutti di bosco e uva, che rinforzano le pareti dei vasi sanguigni.