In estate facciamo attenzione anche ai nei

È arrivata l’estate e con essa la voglia di esporsi al sola e di abbronzarsi. Molti però fanno poca attenzione alla protezione della pelle e, più in particolare, dei nei. Quelli che non molti sanno è che, anche se i raggi ultravioletti non sono l’unica causa di melanoma (infatti questo tipo di tumore si forma spesso anche in zone protette dai raggi solari come piedi), è stato dimostrato che l’eccessiva esposizione al sole, e soprattutto le scottature in età infantile, possono favorire il tumore alla pelle.

È necessario sapere che il melanoma ha un’incidenza molto superiore a quello che si pensi e che negli ultimi anni è stata addirittura in aumento. In Italia, nel 2016, la sua incidenza è cresciuta del 3,1% negli uomini e del 2,6% nelle donne.

Come per gli altri tumori, anche per il melanoma la diagnosi precoce può fare la differenza,a che se però non esistono ancora raccomandazioni precise sulla frequenza e la modalità dei controlli a cui sottoporsi. In assenza di un programma preciso di screening, è comunque bene seguire i suggerimenti del Ministero della Salute, che invita a rivolgersi al proprio medico curante in caso si noti un neo sospetto. Esiste una semplice regola per individuare i nei sospetti, la cosiddetta regola ABCDE:

  • A come asimmetria
  • B come bordi frastagliati
  • C come colore irregolare
  • D come dimensioni, quando queste aumentano rapidamente
  • E come evoluzione, se il neo si modifica nel tempo e comincia a prudere, sanguinare o formare una sorta di crosta superficiale

Oltre a questo il Ministero consiglia di effettuare l’autoesame o una visita specialistica a partire dai 50 anni a tutte quelle persone che hanno una storia personale o familiare di melanoma, di altri tumori della pelle o di cheratosi attinica, a chi abbia un elevato numero di nei o u  fototipo chiaro (occhi azzurri o verdi, capelli chiari o rossi).

Ci sono comunque dei piccoli accorgimenti che ognuno di noi deve imparare a seguire quotidianamente per imparare a fare da soli la prevenzione. Alcune di queste regole sono:

  • Evitare di esporsi al sole nelle ore più calde della giornata
  • Utilizzare sempre schermi solari ad alta protezione, cappelli e occhiali
  • Evitare di farsi lampade o lettini abbronzanti, che sono vietati ai minori e alle persone a rischio.

 

La Redazione

 

Fonte:

Attenzione ai nei sospetti”, ABC salute, La ricerca semplicemente, AIRC.