Fare sport non basta per dimagrire. Ecco perché

L’attività fisica, specialmente se regolare, porta enormi benefici a tutto il corpo e alla mente.

sport dimagrire

Muoversi mantiene il metabolismo attivo e stimola la massa muscolare, l’unica parte del nostro organismo che consuma calorie.

Eppure, per dimagrire, potrebbe non bastare: l’esercizio fisico, senza il supporto di una giusta alimentazione, non è sufficiente a perdere peso, a meno che si svolgano dosi veramente elevate di esercizio, e non va usato come scusa per poter mangiare troppo o mangiare male.

Lo sport: non una scusa ma un adiuvante

C’è chi pensa che andare in palestra possa essere la scusa perfetta per mangiare di più e in modo sregolato. Il problema è particolarmente evidente se mettiamo sul campo un po’ di semplicissima matematica: prendiamo ad esempio un uomo adulto che, correndo per dieci chilometri in un’ora, consuma circa 600 calorie. Fiero del suo risultato, decide di concedersi un cheeseburger e una porzione di patatine fritte piccoli, per un totale di circa 634 calorie.

Cambiare il proprio regime alimentare, invece, non solo permetterà di perdere peso in maniera rapida, ma abituerà il corpo a uno stile di vita sano, e i risultati saranno sicuri e duraturi nel tempo quando verrà svolto anche esercizio fisico in modo adeguato.

Cambiare alimentazione: da dove partire?

Affrontare la sfida del dimagrimento con un piano alimentare adeguato e rispettoso dei principi della corretta alimentazione è la strada corretta per vedere risultati duraturi. La nutrizione è importantissima e richiede il supporto di un esperto che possa pianificare la dieta più adatta allo stato fisico di ognuno.

La letteratura scientifica conferma che una dieta bilanciata non solo aiuta a perdere peso gradualmente, ma permette soprattutto il mantenimento successivo. 

A livello nutrizionale la dieta (intesa come stile di vita) deve fornire al corpo i nutrienti necessari per produrre energia. I macronutrienti (carboidrati, proteine e grassi) vanno alternati ai micronutrienti (le vitamine e i sali minerali), senza trascurare l’idratazione, magari bevendo otto bicchieri d’acqua al giorno.