Meliloto: un alleato contro la cellulite

Il meliloto è una pianta erbacea perenne che appartiene alla famiglia delle Fabaceae e che cresce comunemente lungo i bordi delle strade e nei prati in quasi tutta l’Europa.

La droga del meliloto è rappresentata dalle foglie fresche o essiccate o dalle sommità fiorite che contengono cumarine e loro derivati, oltre a flavonoidi e saponine.

Il meliloto  è utilizzato principalmente per i disturbi legati all’apparato cardiocircolatorio. In particolare per l’insufficienza venosa cronica, per il trattamento delle tromboflebiti, per la congestione linfatica e in caso di emorroidi.

Poiché una delle conseguenze dei problemi circolatori è la cellulite, questa piante si è rivelata utile anche per combattere ritenzione idrica e pelle a buccia d’arancia.

Il meliloto, infatti, possiede proprietà antiedematose e antinfiammatorie e la sua assunzione è in grado di aumentare il flusso linfatico. Gli estratti di meliloto sono adoperati come diuretici e antisparmodici.

Si deve tener presente però che se oltre a ritenzione idrica si soffre di sovrappeso, il meliloto non è utile ma occorre seguire una dieta ipocalorica per perdere i chili di troppo.

Spesso il meliloto viene consigliato anche in associazione ad altre erbe che favoriscono la circolazione sanguigna o in grado di ridurre il gonfiore e il senso di pesantezza agli arti inferiori.