Smettere di fare sport fa male a corpo e cervello?

sportLo stop improvviso dell’attività sportiva può essere dannoso, non solo al nostro corpo ma anche al nostro cervello. È il risultato di una ricerca condotta dalla rivista Frontiers in Aging Neuroscience su un gruppo di maratoneti fermo da dieci n giorni: la risonanza magnetica cui sono stati sottoposti ha fatto emergere un minore flusso del sangue all’ippocampo, la parte di cervello deputata a memoria ed emozioni.

Smettere improvvisamente di fare sport è dunque dannoso? Ne ha parlato il dottor Piero Volpi, Responsabile di Ortopedia del Ginocchio e Traumatologia dello sport in Humanitas, intervistato da Radio Capital.

“Per chi fa attività sportiva, soprattutto se la svolge da tanti anni e con una certa importanza, lo stop improvviso può essere dannoso sul piano cerebrale, ma anche su quello umorale, muscolare e articolare”, commenta il dottor Volpi.

Quanta attività fisica bisognerebbe fare?

“Lo sport va sempre affrontato in maniera seria e non va improvvisato. Va pianificato, scegliendo la propria attività, anche chiedendo consiglio al medico di base, tenendo conto della propria età e delle proprie possibilità. L’attività sportiva deve essere percepita come piacevole, si può andare a correre, si può andare in bicicletta, si può nuotare e si può semplicemente camminare. Chi non vuol fare sport può camminare mezz’ora al giorno: è molto salutare, purché la camminata sia un po’ veloce, al fine di stimolare adeguatamente l’attività cardiocircolatoria e quella respiratoria”, spiega il dottor Volpi.

Quando ci si ferma dal fare sport diminuisce prima la forza o la resistenza?

“Dipende dall’età. È bene sottolineare che anche se non si fa pratica sportiva strenua, già solo condurre una vita attiva e non completamente sedentaria – per esempio muovendosi a piedi, preferendo le scale all’ascensore – permette di fare un minimo di attività fisica che conferisce un mantenimento”.